Carenza di medici nel meridione… soprattutto

Messina – Nella foto di gruppo posano gli studenti iscritti al VI anno della facoltà di Medicina e chirurgia dell’ateneo messinese, anno 2018/19. Superata la selezione del numero chiuso, si apprestano adesso, conseguita la laurea e l’abilitazione, a dedicarsi alla professione per la quale hanno studiato. Dagli ultimi dati emerge una grave carenza di medici in tutta Italia, specialmente nel meridione. Il presidente SIS 118 Mario Balzanelli, dichiara: “Non si può continuare ad ignorare la situazione dei servizi di emergenza 118: c’è una grave carenza di medici e infermieri del 118 in tutte le Regioni – afferma Balzanelli – e la situazione si aggraverà in Estate, periodo in cui invece le richieste di soccorso aumentano di oltre un terzo, soprattutto nelle zone costiere”. Anche il sindacato dei medici dirigenti, l’Anaao-Assomed denuncia la “situazione di emergenza”, precisando che l’allarme per la carenza di medici “è una questione che i sindacati stanno denunciando da tempo”. A livello nazionale, afferma il segretario dell’Anaao, Carlo Palermo, “registriamo almeno 8-10mila medici in meno rispetto al fabbisogno e questo per effetto del blocco del turn-over dal 2009.Ora il settore più penalizzato è proprio quelle dell’emergenza e dei Pronto soccorso, dove i medici in meno sono circa 2mila”. 

Fonte: ansa

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com