Palermo, incendi minacciano la riserva naturale dello Zingaro

Bruciano le colline e i monti attorno a Palermo e la prefettura attiva il centro coordinamento soccorsi.

Cinquanta persone sgomberate a San Martino delle Scale, a poche decine di chilometri dalla città.

Quattro famiglie sono state portate via dalle loro case a Trabia. È stata una notte di tensione con tutti i mezzi di protezione civile, vigili del fuoco e forestale in campo. Dall’alba i Canadair sono rientrati in azione.

L’incendio più preoccupante è stato per tutto il giorno quello su Monte Caputo, sopra Monreale. Tanto che in serata sono stati ordinati gli sgomberi nella frazione di San Martino. Nessun ferito è stato segnalato nonostante siano arrivate anche le ambulanze del 118. Situazione critica anche su monte Grifone.

Le fiamme hanno divorato ettari di bosco su monte Caputo e circondato le abitazioni. Si sono registrate scene di terrore con gente che si è riversata in strada. In nottata, nella zona del “Castellaccio”, tutte le case sono state evacuate. Impossibile, al momento, fare una stima precisa dei danni.

Intere famiglie in fuga dalle proprie abitazioni hanno trascorso la notte fuori casa.

Il sindaco di Monreale Alberto Arcidiacono ha aperto alcune scuole per ospitare gli sfollati. Incalcolabili i danni. Canadair ed elecittori dalle prime luci dell’alba sganciano acqua e schiuma ritardante sulla zona. A coordinare i soccorsi di vigili del fuoco, forestale, protezione civile, polizia e carabinieri é la prefettura di Palermo. 

Canadair in azione fino a sera su diversi fronti. Le fiamme si sono sviluppate anche in provincia: Trappeto,  Bagheria, Trabia, Borgetto. Il prefetto di Palermo Antonella De Miro ha attivato il Centro coordinamento soccorsi. I mezzi di protezione civile sono arrivati anche dalle province di Caltanissetta e Enna. Il dipartimento di protezione civile ha allertatola regione Calabria.

A Scopello, le fiamme alimentate dal forte vento di scirocco, ieri sera hanno lambito abitazioni, ristoranti e attività commerciali. Evacuate persone e turisti che si trovavano nel piccolo borgo marinaro. Numerose le famiglie che hanno trascorso la notte fuori dalle proprie abitazioni. Diversi i danni registrati alle abitazioni, per lo più case di villeggiatura, nella zona di contrada Fraginesi. Impegnate fino alle prime ore dell’alba tutte le squadre antincendio di vigili del fuoco, forestale e protezione civile delle province di Palermo e Trapani. 

Al momento risulta chiusa anche la riserva naturale dello Zingaro per precauzione.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com