Ragusa, stupratore seriale. Era stato già condannato con obbligo di dimora|VIDEO

Arrestato Sergio Palumbo, giovane ventiseienne.

Violenza sessuale aggravata dalla recidività e un giudizio da parte del Gip di Ragusa, Vincenzo Ignoccolo, che non lascia alibi a difesa del giovane ventiseienne «un’indole gravemente sopraffattrice, tendente a sfruttare a proprio vantaggio le debolezze dell’altro sesso». Il Gip nell’ordinanza cita anche la sua «recente condanna a 4 anni e 8 mesi di reclusione», in primo grado, per «il reato di violenza sessuale consumato con caratteristiche analoghe a questo oggetto del procedimento». In quel caso la vittima era riuscita a fuggire.

La notte della violenza ha messo in atto una scena ben consolidata e sfruttando la sensibilità della vittima l’ha convinta a fermarsi e a dargli aiuto con una bugia: il falso malore della moglie, con la quale, invece, aveva litigato. Una volta percorso il tragitto e facendo appartare la vittima si è impossessato dei documenti minacciando di morte lei e la sua famiglia e affermo la frase: «Adesso so chi sei» .

Subito dopo ha abusato di lei. Dopo l’ha riportata nuovamente vicino al cimitero e ha abusato nuovamente. Infine si è fatto lasciare vicino casa. Ma prima di scendere dall’auto è tornato a minacciare la donna e la sua famiglia di morte.

La donna ha trovato il coraggio di denunciare riconoscendo il suo aggressore tra le otto foto che la squadra mobile le ha fatto vedere e lo ha indicato senza esitazione. Ad “accusarlo” anche le riprese di telecamere di videosorveglianza. Esami sono stati disposti dalla Procura sui reperti biologici trovati sull’auto per estrapolare del DNA.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com