Torrenova (Me) – Coronavirus, “l’ammutinamento” del primo cittadino

Il primo cittadino valuta autonomamente, la possibilità di isolare il personale medico in attesa di esito del tampone.

Il sindaco di Torrenova, Salvatore Castrovinci precisa quanto segue :


Ho appena inviato una nota al commissario straordinario dell’asp. Intanto, ho voluto manifestare tutta la mia gratitudine per l’instancabile ed impeccabile lavoro che sta svolgendo e ho voluto focalizzare tre punti che ritengo fondamentali per arginare la diffusione del virus nei nebrodi.
1). Dare assoluta priorità all’effettuazione dei tamponi del personale sanitario operante nel presidio ospedaliero di S. Agata Militello, fissando in 24h il TEMPO MASSIMO per la comunicazione degli esiti;
2). Definire con estrema urgenza la pista epidemiologica connessa al focolaio di San Marco d’Alunzio (ME) dando estrema priorità a tutti i tamponi ancora oggi in fase di analisi: troppe famiglie dei nebrodi stanno vivendo giorni di ansia e preoccupazione in attesa dei tamponi e i risultati diventano FONDAMENTALI per FERMARE il rischio di contagio;
3). Comunicare l’esito dei predetti tamponi non esclusivamente ai Sindaci dei Comuni di rispettiva residenza, ma a tutti i Sindaci del comprensorio dei Nebrodi al fine di facilitare ed accelerare la ricostruzione dei contatti,perché solo i Sindaci possono rappresentare una task-force contro il covid-19

È’ chiaro, così come ho già disposto che, nelle more del ricevimento degli esiti dei tamponi, valutero’ la necessità di adottare misure di isolamento fiduciario specie nei confronti del personale sanitario,operante nell’ospedale santagatese,quale unica misura in grado di limitare il contagio.
Preferisco contrastare una legge disumana affrontando a testa alta i tribunali nella consapevolezza di aver agito nella tutela del mio territorio e per la salute dei miei concittadini.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com