Il Consiglio dei ministri non ha formalizzato la proroga dello stato d’emergenza

In Italia lo stato d’emergenza terminerà il 31 luglio, stando a quello che il governo ha deciso fino ad ora. Perché la proroga dello stato di emergenza non è stata formalizzata nel Consiglio dei ministri che si è concluso nella notte. Ma è stato raggiunto un sostanziale accordo sul 31 ottobre come data alla quale prorogare l’emergenza per la crisi Covid-19

2NEWS
ATTIVA GLI AGGIORNAMENTI
Coronavirus SEGUI
23 luglio 2020 07:39
Il Consiglio dei ministri non ha formalizzato la proroga dello stato d’emergenza
Il Consiglio dei Ministri non ha deciso la proroga dello stato di emergenza, deciso lo scorso gennaio. Allo stato attuale lo stato di emergenza terminerà il 31 luglio. Ma a quanto si apprende è stato raggiunto un sostanziale accordo sul 31 ottobre come data alla quale prorogare l’emergenza per la crisi Covid-19.

COMMENTA

In Italia lo stato d’emergenza terminerà il 31 luglio, stando a quello che il governo ha deciso fino ad ora. Perché la proroga dello stato di emergenza non è stata formalizzata nel Consiglio dei ministri che si è concluso nella notte. Ma è stato raggiunto un sostanziale accordo sul 31 ottobre come data alla quale prorogare l’emergenza per la crisi Covid-19.

AD
Scopri NeN Energia: paghi ogni mese la stessa cifra, come in abbonamento
NeN

Resta da capire quale sarà lo strumento con cui dovranno essere prorogati i Dpcm emanati durante lo stato di emergenza al 31 luglio ed è probabile che, prima della delibera, il premier Giuseppe Conte intenda fare un passaggio in Parlamento, come peraltro aveva anticipato lo scorso 10 luglio.

accusato Conte di volere per sé “pieni poteri”. Sul tavolo c’era anche l’ipotesi di non prorogare affatto lo stato di emergenza, ma alla fine il governo potrebbe  optare per una sorta di compromesso con una proroga meno lunga, di tre mesi, fino al 31 ottobre appunto. Ma lo strumento servirà solo ad adottare le misure che servono per gestire l’emergenza coronovirus, permettendo al governo di intervenire tempestivamente con nuovi lockdown, qualora il numero dei casi dovesse risalire, in deroga alle norme vigenti.

In vista di una seconda ondata, che come dicono gli esperti potrebbe arrivare in autunno, l’esecutivo ha deciso di non rinunciare a questo strumento, utile per la sicurezza nazionale e per contenere la diffusione del virus.

Al termine del Cdm la ministra Catalfo ha twittato così: “Rifinanziamento della cassa integrazione, incentivi per le nuove assunzioni e potenziamento del fondo nuove competenze. Con la parte più consistente dei 25 miliardi dello scostamento di bilancio approvato in Cdm, diamo ulteriore carburante alle imprese e più tutele ai lavoratori”.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com