Furbetti del bonus, il Garante ha deciso e scrive all’Inps: «I nomi siano pubblici, la privacy non è un ostacolo |

La decisione del Garante

«In relazione alla vicenda del bonus Covid – si legge in un comunicato diffuso nel pomeriggio dell’11 agosto -, il Garante per la protezione dei dati personali precisa che, sulla base della normativa vigente, la privacy non è d’ostacolo alla pubblicità dei dati relativi ai beneficiari del contributo laddove, come in questo caso, da ciò non possa evincersi, in particolare, una condizione di disagio economico-sociale dell’interessato (art. 26, comma 4, d.lgs.33 del 2013)».

Secondo il Garante, «ciò vale, a maggior ragione, rispetto a coloro per i quali, a causa della funzione pubblica svolta, le aspettative di riservatezza si affievoliscono, anche per effetto dei più incisivi obblighi di pubblicità della condizione patrimoniale cui sono soggetti (cfr., ad es., artt. 9 L.441/1982 e 5 d.l. 149/2013, convertito, con modificazioni, dalla L. n. 13 del 2014)».

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com