Anche in gara 2 passa l’Orlandina che batte Bergamo 87-75.

Capo d’Orlando – Grazie ai 50 punti del Dynamic Duo Triche-Parks l’Orlandina Basket mantiene il fattore campo, batte Bergamo per 87-75 e si porta sul 2-0 nella serie. Diciottesima vittoria consecutiva per i ragazzi di coach Sodini, 8 nei playoff, che si giocheranno il match point già nella prossima partita, in programma giovedì sera alle 20.30 a Bergamo.
Per l’avvio di gara coach Sodini schiera Triche, Bellan, Parks, Trapani e Bruttini, mentre coach Dell’Agnello manda in campo Zugno, Roderick, Sergio, Benvenuti e Fattori.
Le parole di coach Marco Sodini al termine della gara: «Sono molto contento di essere 2-0 nella serie, perché non è per niente scontato. Abbiamo avuto superficialità per colpa di una buonissima partenza, che ha fatto pensare a chi era in campo che era troppo facile. Io penso che la nostra Serie A passi da Mobio, Laganà, Mei, Murabito, Neri, Galipò… Si pensa che debba passare da Triche e Parks, ma non è così in realtà. La promozione dipende da altri fattori, come ad esempio mantenere un certo livello di intensità e di gioco quando cominciano le rotazioni. E’ una cosa che non sta succedendo e dobbiamo migliorare. Bisogna dire che comunque nel secondo tempo i ragazzi hanno risposto bene.
Non possiamo far finta che non speculiamo sul fatto che non giochi Taylor, io mi aspettavo una gran partita di Roderick e l’ha fatta, perché è un campione, anche se Parks nel secondo tempo è riuscito a contenerlo. Invito tutti a guardare il secondo tempo difensivo di Simone Bellan, un vero e proprio clinic. Ci sono delle situazioni che dobbiamo imparare a gestire meglio. Dobbiamo imparare a gestire le situazioni senza innervosirci per dei fischi che secondo me erano corretti. Questa è stata una partita punto a punto, maschia, combattuta. Noi dobbiamo giocare a pallacanestro, se il metro dice che quel tipo di contatto non è ammesso, dobbiamo essere bravi a gestirlo. Siamo a 37 partite giocate e devono capire, i vari Mobio, Laganà ect, che è importantissimo quello che loro fanno. È importante che loro siano sempre concentrati e al massimo. Noi abbiamo grande facilità di gioco se ci lasciano giocare. Dobbiamo imparare a giocare quando gli altri ci mettono le mani addosso, e dobbiamo farlo oggi. Bruttini non sbaglia mai una scelta, semmai sbaglia un tiro, ma non una scelta.
Io Capo d’Orlando me la ricordavo così, il pubblico orlandino me lo ricordavo così. Ci hanno trascinato per tutto l’incontro. C’è anche da dire che noi non perdiamo dal 31 gennaio, cos’altro dovevano fare questi ragazzi per avere il sostegno del pubblico? Hanno fatto tutto il possibile e sono felice che il pubblico abbia risposto in questa maniera, per noi è meraviglioso giocare in un’atmosfera del genere.»
Benfapp Capo d’Orlando – Bergamo Basket 2014 87-75 (22-22; 42-40;68-59)
Benfapp Capo d’Orlando: Bruttini 6, Trapani 12, Laganà, Parks 26, Mobio, Murabito, Mei 8, Triche 24, Bellan 11, Galipò, Neri ne, Donda ne. Coach: Marco Sodini.
Bergamo Basket 2014: Augeri, Casella 4, Roderick 27, Bedini 4, Taylor ne, Fattori 16, Zucca 7, Piccoli ne, Sergio 2, Marelli ne, Benvenuti 6, Zugno 9. Coach: Sandro Dell’Agnello.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com