Indelebili Today - L'informazione a portata di mano

ALI Sicilia, preoccupazione per il ddl “Riforma degli ambiti territoriali ottimali e nuove disposizioni per la gestione integrata dei rifiuti”

Palermo – ALI Autonomie Locali Sicilia  manifesta preoccupazione per la calendarizzazione all’ARS del disegno di legge di riforma della gestione del servizio integrato dei rifiuti, dopo la sua approvazione da parte della IV Commissione, che determinerebbe una profonda modifica dell’attuale assetto istituzionale. Tale iniziativa, in primo luogo, è assolutamente intempestiva. Siamo prossimi ad un vero e proprio collasso del sistema – con la chiusura dell’impianto di C.da Coda Volpe e quella oramai annunciata di Bellolampo – incompatibile con i tempi necessari per avviare operativamente i nuovi organi che dovrebbero sostituire le SRR. Non sono poi marginali le criticità che il disegno di legge presenta, soprattutto nella parte relativa al passaggio al nuovo sistema, con la creazione delle cd. ADA. Si rischia poi di cancellare delle realtà virtuose nel corso degli ultimi anni hanno operato con grande vitalità, che dimostrano incontrovertibilmente come l’attuale sistema possa funzionare e vada solo migliorato, aumentando i poteri delle Società di Regolamentazione Rifiuti, mutandone la natura giuridica. Si dimenticano i risultati ragguardevoli raggiunti in termini di aumento delle percentuali di raccolta differenziata, che confermano che la Sicilia è sulla buona strada. Occorre concentrarsi sulla programmazione e realizzazione di impianti pubblici, snellendo le relative procedure e compiendo precise scelte volte a reperire le necessarie risorse economiche, al fine di rompere il “monopolio privato” che da sempre imperversa nel campo dei rifiuti. Questo è quello che la Regione deve fare. Infine è necessario dire NO al tentativo di scaricare sulle SRR e sui sindaci la responsabilità di una situazione frutto anche e soprattutto di una inerzia degli organi regionali, che hanno tenuto una linea politico amministrativa non sempre coerente con l’attuale quadro normativo. L’ALI Sicilia auspica il differimento della trattazione del citato disegno di legge e l’immediato avvio di un confronto, partendo dalle esperienze maturate sul campo che devono costituire il fulcro di qualsiasi iniziativa di riforma della gestione dei rifiuti. F.to ALI Autonomie Locali Sicilia

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com