Sicilia sotto osservazione, pochi vaccini e aumenti di ricoveri, rischia la zona gialla da ferragosto

Crescita dei contagi è costante e non si ferma ancora. Tornano di nuovo a salire anche il numero dei decessi e i ricoveri anche in terapia intensiva. Per la Sicilia si rischia un agosto molto difficile. La nostra regione è sotto osservazione e potrebbe diventare una delle prime regioni a passare in zona gialla. La data designata potrebbe essere quella del 23 agosto ma continuando a questo ritmo di ricoveri non è escluso che l’isola possa essere oggetto di restrizioni già dopo ferragosto.

Il bollettino di ieri ha registrato altri 776 positivi ma soprattutto l’ennesimo aumento di pazienti in area medica e intensiva. Nei reparti ordinari si trovano 394 persone, con un tasso di occupazione pari al 12,6%, mentre in terapia intensiva i posti letto occupati sono 47, con un tasso del 6,4%. Tra una settimana o due la Sicilia potrebbe raggiungere la soglia del 10% in terapia intensiva e 15% in ricovero ordinario che farebbe scattare la zona gialla per ordinanza ministeriale.

I nuovi parametri per l’assegnazione dei colori infatti si basano sull’occupazione ospedaliera. Se una Regione supera il 10% dei posti occupati in terapia intensiva e il 15% di quelli in area medica si passa in zona gialla, per la zona arancione le soglie sono rispettivamente 20% e 30%, per la zona rossa 30% e 40%. La Sicilia si trova molto vicina al 15% di posti occupati in area medica, una soglia che probabilmente supererà la prossima settimana. Ci vorrà forse qualche giorno in più invece per sforare il 10% in rianimazione.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com