Annunci

 

    

 

                      

Il Riequilibrio peserebbe sui conti ma alcune voci non sono menzionate in bolletta.

Non solo errate ma bollette del consumo dell’acqua potabile per l’anno 2022 scadute da diversi giorni. Errori di compilazione o magari di disattenzione che però hanno trovato l’indignazione popolare tale da trovare l’interrogazione dell’ opposizione.

Di seguito l’interrogazione completa.

“I sottoscritti Sandro Gazia, Giuseppe Truglio, Teodolinda Liotta, Felice Scafidi, Renato Carlo Mangano, Consiglieri Comunali nell’espletamento del proprio mandato elettivo,

premesso che:

  • Il settore idrico ha subito una radicale riforma con l’affidamento nel 2011 (D.L.201/2011 c.d. “SalvaItalia”) all’autorità per l’Energia Elettrica, il Gas e il Sistema Idrico AEEGSI delle funzioni attinenti “alla regolazione e al controllo dei servizi idrici”;
  • Con delibera di Consiglio comunale n°42 del 8/11/22 è stato approvato il PEF idrico e la predisposizione tariffaria per il biennio 22/23 ed il nuovo regolamento comunale per la concessione dell’acqua potabile;

considerato che:

In questi giorni i cittadini utenti hanno ricevuto avvisi di pagamento relativi alla fatturazione per la fornitura di acqua potabile per l’anno 2022 con consumi presunti e conguaglio sulla prossima fattura;

  • Tali fatture riportano diffusi errori di calcolo matematico sia nelle moltiplicazioni che nelle addizioni, con totali che sembrano frutto di mere alchimie, le uniche bollette /fatture che apparentemente non riportano errori sono quelle con importo 11 € che corrispondono ad un consumo di zero mc.
  • Molte riportano letture presunte al 31/12/2022 ben superiori al reale consumo con importi per le eccedenze che di fatto vengono conteggiati con una fascia più alta di addebito, importi sicuramente non dovuti, che appesantiscono in modo inopportuno le stesse bollette in un momento storico in cui ogni singola famiglia fatica a far quadrare i conti mensili;

Ritenuto che: 

  • Recarsi presso gli uffici comunali e/o inviare, come da regolamento, richieste di chiarimento, richiede tempo ed il tempo oltre ad essere prezioso per ciascuno è anche fonte di reddito per i lavoratori e non può certamente essere sprecato per errori altrui;
  • Non trattasi di errori isolati ma diffusi;
  • La consegna è avvenuta ben oltre la data di scadenza;
  • Erroneamente viene riportato che in caso di recapito oltre la data di scadenza è ammesso il pagamento entro 15 giorni dal ricevimento senza sanzioni ed interessi, ma in realtà l’art. 36 del nuovo regolamento approvato recita: “La fattura sarà recapitata nel luogo di fornitura o ad altro indirizzo indicato dall’Utente che dovrà
    provvedere al pagamento integrale secondo le modalità ed i termini indicati nella fattura stessa. Tali modalità e termini potranno variare nel corso del contratto, garantendo in ogni caso un periodo non inferiore a 20 giorni tra la data di emissione ed il termine di pagamento”. Chiaramente nel caso de quo la data di emissione corrisponde alla data di consegna e quindi da questa dovrebbero decorrere 20 giorni previsti e non i 15 indicati, comunque trattandosi di posta ordinaria e non di raccomandata non si potrà avere certezza della data di consegna.

 Tutto ciò premesso, considerato e ritenuto:

  i sottoscritti Consiglieri comunali interrogano la S.S. per conoscere e/o sapere:

  • Se intende revocare, in autotutela, gli avvisi/fatturazione già emessi poiché palesemente irregolari.
  • Se intende procedere alla corretta quantificazione dei consumi o quantomeno, nei casi di mancata lettura, non onerare i cittadini, per consumi presunti, di importi eccedenti le soglie dei consumi degli anni precedenti, in attesa del successivo conguaglio.
  • Se ha già disposto una verifica interna che lo metta in condizione di spiegare ai cittadini le dinamiche di tali errori.
  • Se intende porgere le scuse ai cittadini, a nome suo e della sua Amministrazione, per gli ennesimi disagi e preoccupazioni ingenerati.

Si chiede risposta scritta e soprattutto immediati atti consequenziali.

F.to     Sandro Gazia

F.to     Giuseppe Truglio

F.to     Teodolinda Liotta

F.to     Felice Scafidi

F.to     Renato Carlo Mangano”

Il consigliere Sandro Gazia sul proprio profilo facebook

Saranno dei giorni intensi quelli che si appresteranno a vivere i dipendenti comunali, sportello acquedotto.