Annunci


 
Le principali rotte verso l’Europa
 
A livello mondiale, la cocaina viene di norma principalmente trasportata seguendo la via marittima.

I principali punti d’ingresso europei sono la Spagna ed i grandi porti del Nord Europa Antwerp, Rotterdam, Vlissingen, BremenHaven Hamburg e Helsingborg.
 
La cocaina arriva nascosta in carichi “di copertura” tramite container stivati in grandi navi commerciali soprattutto con i container di Banane.

  • via mare, una volta attraversato il canale di Panama si dirigono verso i porti del Belgio, dell’Olanda, della Germania per poi arrivare in Svezia.

Di recente è stata rilevata una nuova rotta che, transitando nel bacino del Mediterraneo, si dirige verso i porti dell’area balcanica e/o del Sud-Est Europa per poi ripercorrere la rotta balcanica tradizionalmente utilizzata per il traffico di eroina.
 
FLUSSO DELLA Cocaina
 
La produzione si concentra principalmente nell’area andina del Sud America con i quattro maggiori paesi produttori (Colombia, Ecuador Perù e Bolivia), in quanto l’arbusto della coca (Erythroxylon coca) – da cui si estrae il potente principio attivo chiamato cocaina – cresce spontaneamente nei climi caldi e umidi tropicali dell’America meridionale ad un’altitudine compresa tra i 700 e i 2000 metri.

I paesi limitrofi (Brasile, Venezuela, Argentina ed area caraibica) viceversa rivestono un ruolo importante quali aree di stoccaggio nonché zone di transito per l’esportazione verso l’Europa e gli Stati Uniti d’America.
 
NARCOTRAFFICO

Le principali rotte verso l’Europa
 
A livello mondiale, la cocaina viene di norma trasportata seguendo la via marittima.

I principali punti d’ingresso europei sono la Spagna ed i grandi porti del Nord Europa (Belgio, Olanda, Germania e Svezia).
 
La cocaina arriva nascosta in carichi “di copertura” tramite container stivati in grandi navi commerciali. 

“strada della coca” dall’Ecuador all’Europa porta alle organizzazioni della malavita Un giro d’affari di 40 miliardi di euro
 
HELSINGBORG Cocaina – collocata all’interno dei container che trasportano banane, diretti nei principali porti europei come Rotterdam, Vlissingen, Anversa, Bremerhaven, Amburgo e Helsingborg. È la tecnica del “gancho ciego” e che consente di far partire dal Sud America tonnellate di droga nelle spedizioni che, nel gergo della polizia, vengono chiamate “contaminate”.

Ingenti spedizioni di droga organizzate dalla bande dei paesi Balcani che, proprio in Ecuador principalmente, vanta contatti diretti con i produttori della coca.

Solo il mese di aprile scorso, è stato sequestrato un carico di 2,5 tonnellate di cocaina, ad Amburgo in Germania individuato, in una delle navi container partite dal porto di Guayaquil in Ecuador.

La città della provincia di Guayas e che si affaccia sull’Oceano Pacifico rappresenta uno degli snodi cruciali per il traffico di droga dal Sud America.
 
LA PERLA DEL PACIFICO Tra il 2019 e l’Aprile del 2023, sono state individuate e sequestrate oltre 62 tonnellate di cocaina nei porti marittimi dell’Ecuador.

Quaranta di queste tonnellate hanno lasciato il porto principale della Perla del Pacifico.

Risale proprio al 2019 il sequestro più ingente di coca in Ecuador individuato in un carico di 3.200 sacchi di sale di grano. Il test sul campo ha determinato che 474 sacchi erano sono stati miscelati con la cocaina, ciascuno con un peso approssimativo di 25 chili, per un totale di 11,85 tonnellate di coca purissima e diretta proprio in Europa.

I CONTAINER È proprio il trasporto via container quello preferito dalle bande dei Balcani per portare in Europa la coca dal Sud America. Secondo l’Organized Crime and Corruption Reporting Project, infatti, il 70% del traffico è dato da container che “legalmente” lasciano porti come quelli in Ecuador e altri in America Latina che, sulla carta, trasportano prodotti deperibili come frutta, fiori e prodotti ittici per avere una rapida uscita delle merci nei porti di arrivo attraverso anche 20 o 30 rotte aperte contemporaneamente.

IL PARALLELO 10 Il mare (e l’oceano) è l’elemento principale per il traffico intercontinentale di droga per la banda dei Balcani.

La “strada della droga” che si trova all’altezza del “parallelo 10” a nord dell’equatore. «Considerando che il Sud America è la zona zero della cocaina – dice la giornalista messicana Ana Lilia Pérez nel suo libro Mares de cocaína – se fosse percorsa verso est come un’autostrada diritta, questa rotta attraverserebbe 25 paesi dal Costa Rica alle Isole Marshal. Copre tre oceani, numerosi mari e baie ed è un favorito dei trafficanti di droga perché questa rotta marittima offre una vasta gamma di possibilità di viaggiare in qualsiasi parte del mondo, da acque con poca vigilanza e possibilità minime di detenzione»
 
Un’altra prova dei forti interessi della banda dei Balcani in Ecuador è stata la ricerca “The Cowboys of Cocaine”.

IL BUSINESS DELLA COCA Il business legato al narcotraffico nasce da un’organizzazione ben strutturata, utilizzando gli stessi schemi in tutto il mondo. Ha broker e intermediari nei principali porti, generando profitti stimati tra i 30 e i 40 miliardi di dollari l’anno. Soldi che vengono reinvestiti in attività come ristoranti, acquisto di immobili, gioco d’azzardo, lo scambio di criptovalute e società di importazione ed esportazione, per continuare ad alimentare i vertici della banda dei Balcani.

Non da ultimo lo scorso 25/27 aprile il grande sequestro di più di 2,5 tonnellate di cocaina nascosta in un container di banane proveniente da Guayaquil, trasbordato a Rotterdam Vlissingen e Amburgo, diretta a Helsingborg, ma ad Hamburgo gli agenti hanno intercettato e sequestrato il container.