Annunci

 

    

 

                      

del riscaldamento globale sugli ecosistemi marini

MARE CALDO: IMMAGINI DA UN MARE CHE CAMBIA
L’inaugurazione sabato 27 maggio al Museo del Mare (MuMa) insieme all’Area
Marina Protetta (AMP) di Capo Milazzo, una delle 13 AMP italiane che hanno
aderito al progetto di monitoraggio della temperatura dei mari

Verrà inaugurata il prossimo 27 maggio, con una conferenza di lancio al MuMa, la mostra
fotografica di Greenpeace Italia “MARE CALDO: immagini da un mare che cambia” che,
attraverso un percorso di venti fotografie subacquee e aeree, racconta come i cambiamenti
climatici coinvolgano il mare e gli organismi che lo abitano a varie profondità.
La mostra è stata realizzata nell’ambito dell’omonimo progetto “Mare Caldo”, che dal 2019 studia
in collaborazione con i partner tecnico-scientifici del DiSTAV dell’Università di Genova ed
ElbaTech l’impatto dei cambiamenti climatici lungo le nostre coste e monitora, grazie a una rete
che conta ben 13 aree marine protette (AMP), cosa sta succedendo sotto la superficie del mare.
Tra le aree marine protette coinvolte nelle indagini, c’è da poco anche quella di Capo Milazzo
dove presto verranno collocati dei sensori per la misurazione della temperatura lungo la colonna
d’acqua (da 5 a 40 metri), in diverse zone dell’area marina protetta. I dati che verranno raccolti
contribuiranno a restituire un quadro generale sulle temperature marine di tutta la Penisola.
L’AMP Capo Milazzo, ultima delle 31 aree marine protette a essere istituita in Italia (nel 2019) ha
da subito investito energie nella salvaguardia e tutela dei fondali custodendo due tra gli habitat più
importanti del nostro mare: le praterie di Posidonia oceanica e il Coralligeno.
Entrambi gli habitat, tanto importanti quanto delicati, assicurano un’elevata biodiversità in
quest’area, ma subiscono oggi le pressioni dei cambiamenti climatici. L’AMP ha già attivato una
serie di progetti e monitoraggi volti a comprendere come l’ambiente marino stia cambiando e
quali possano essere le misure di gestione adattativa da attuare, ad esempio regolando la fruizione
o l’uso delle risorse marine. In quest’ottica l’AMP ha sottoscritto la convenzione con Greenpeace
Italia per il progetto “Mare Caldo” che, in rete insieme alle altre AMP, si propone da un lato di
contribuire alla raccolta di dati utili a comprendere il fenomeno in atto e la risposta degli
organismi, dall’altro di scegliere le corrette misure di conservazione per la protezione della
biodiversità.

L’estate imminente prospetta temperature superiori alla media, come quelle del 2022. Lo scorso
anno, infatti, i sensori posizionati a Portofino e sul versante settentrionale dell’Isola d’Elba hanno
registrato un’anomalia termica positiva di circa 2 gradi centigradi, con temperature superficiali che
hanno raggiunto, e in alcuni casi superato, i 27 gradi in entrambe le stazioni.

Consorzio di Gestione dell’Area Marina Protetta “Capo Milazzo”
Via Francesco Crispi n. 1 – 98057 Milazzo (ME)
info@ampcapomilazzo.it – www.ampcapomilazzo.it

Quanto rivelano questi dati non è certo una buona notizia: «Una stratificazione eccessiva delle
acque può ridurre la produttività del mare, mentre temperature anomale hanno effetti negativi
sugli organismi marini dei fondali che, purtroppo, abbiamo già cominciato a vedere», dichiara
Alessandro Giannì, Direttore delle Campagne di Greenpeace Italia.

All’inaugurazione della mostra saranno presenti il Direttore dell’Area Marina Protetta di Milazzo,
Dott.ssa Giulia Visconti, il Presidente dell’AMP Capo Milazzo Dott. Giovanni Mangano, il
Sindaco di Milazzo Dott. Giuseppe Midili, il direttore del MuMa Carmelo Isgrò, (la presidente
dell’Area Marina Protetta del Plemmirio Patrizia Maiorca) e il Direttore delle Campagne di
Greenpeace Italia, Alessandro Giannì. L’appuntamento è in programma sabato 27 maggio alle
ore 16:30, presso il MuMa di Milazzo.

La mostra verrà ospitata presso il MuMa, sito nel Castello di Milazzo, e rimarrà visitabile dal 27
maggio al 6 giugno 2023, con i seguenti orari di apertura al pubblico: dal 27 al 31 maggio, da
martedì a domenica, dalle ore 9.00 alle ore 18.30; dal 1° al 6 giugno, da martedì a domenica, dalle
ore 9.00 alle ore 13.30 e dalle 16.30 alle 20.30.