Busta sospetta anche alla Balocco, allerta sul posto

Sembra non placarsi l’invio di ordigni mandati via posta, dopo Lavazza e Ferrero adesso ad essere stata presa di mira è la storia azienda con sede in provincia di Cuneo.
Erano circa le 13 quando il personale si è accorto della busta.
La lettera, accompagnata da una dose di polverina, è un ricatto alle aziende: “Pagate 300mila euro o avveleneremo i vostri prodotti con l’oleandrina”. Al momento non è stata emanata alcuna ordinanza per evacuare la fabbrica grazie agli artificieri che hanno riportato la calma nello stabilimento .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com