Analisi dell’Avversario: Treviso Basket 2012

La Finale per la promozione in Serie A è alle porte, vediamo nel dettaglio chi avrà di fronte L’Orlandina

l’Universo Treviso Basket 2012, nome completo della società, arriva a giocarsi la promozione in Serie A per la quinta volta consecutiva in 5 anni, da quando nel 2014 ottenne la promozione nella ex Serie A2 Silver. per 3 volte consecutive ha ottenuto il primo posto nel suo Girone Est (stagioni dal 2014/2015 al 2016/2017), senza poter accedere alla tanto desiderata massima Serie del campionato italiano, venendo eliminata anzitempo. Nella stagione precedente, dopo aver centrato il terzo posto, si ferma solo alle semifinali, eliminata dalla Pallacanestro Trieste (ex squadra di Jordan Parks poi promossa in serie A). Ora la squadra veneta ci riprova, incoraggiata anche dalle ultime dichiarazioni rilasciate al giornale trevigiano “LA TRIBUNA” dal Presidente FIP Gianni Petrucci.

  • Treviso: Coach e giocatori attuali

La Squadra è allenata da Massimiliano Menetti, coach dal grande carisma ed ex allenatore di Reggio Emilia, con cui ha vinto una coppa europea (EuroChallenge) nella stagione 2013-2014 e una Supercoppa Italiana nel 2015; quest’anno con Treviso ha vinto la coppa di A2 LNP.

I giocatori più rappresentativi sono sicuramente gli americani: Dominez Burnett, guardia di 196 cm, ex Ventspils (LETTONIA), squadra che Capo d’Orlando affrontò nel 2018 nella seconda edizione della coppa europea (Basketball Champions League); le sue statistiche dicono che in questi play-off segna con un 13.5 punti di media, percentuali al tiro da 3 del 40% e 46% al tiro da 2 + il 75% al tiro libero; mentre David Logan, (americano naturalizzato polacco) dal doppio ruolo, play/guardia, di 185 cm, non ha bisogno di presentazioni: il suo palmares parla chiaro: in Italia con la Dinamo Sassari ha fatto la tripletta Supercoppa, coppa Italia e Scudetto nella stagione 2014-2015 (quest’anno ha vinto la coppa di A2 LNP con Treviso); in Europa ha vinto 2 campionati polacchi, 1 coppa di Germania, di Grecia, di Israele e di Francia con squadre di grande spessore europeo come Alba Berlino, Panathinaikos, Maccabi Tel Aviv e Strasburgo. In questi play-off viaggia ad una media punti del 14.9; le percentuali al tiro dicono: 42% da 3, 72% da 2 e 92% dalla linea della carità.

Come giocatori italiani esperti da tenere sott’occhio sono: Matteo Imbrò, Matteo Chillo e Amedeo Tessitori: il primo è il cambio di Logan (play/guardia) di 192 cm, siciliano di Agrigento, ex Ferentino e Virtus Bologna, viaggia con 10,4 punti di media, con il 33% da 3 punti, 41% da 2 punti e il 100% al tiro libero; il secondo è un Ala/Centro di 203 cm, bolognese doc (ex Fortitudo Bologna), ha una media punti del 7.1, percentuali al tiro sono con il 33% da 3 punti, il 75% da 2 punti e 61% al tiro libero; mentre il terzo è un Centro di 208 cm, toscano di Pisa, ex Dinamo Sassari (con cui ha vinto la coppa Italia con David Logan), Forlì, Caserta, Cantù e Biella; 12.3 è la sua media punti, percentuali al tiro dicono un 23% da 3 punti, un 51% da 2 punti e un 61% dalla linea del tiro libero.

nel quintetto base di Treviso partono 2 giovani classe 1996: Luca Severini e Davide Alviti; completano il roster Lorenzo Uglietti (1994), Simone Barbante (1999), Alvise Sarto (2000) e Manuel Saladini (2002).

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com