Coronavirus, oggi i nuovi colori: la Sicilia rischia per il boom di contagi

Palermo numeri quasi da zona rossa

La Sicilia, che per settimane si è tenuta stretta la sua zona gialla, inizia ora a temere dopo il boom di contagi registrato ieri e nel pieno del caos bollettini dopo l’avvio dell’inchiesta sui dati gonfiati e le difficoltà avute negli ultimi due giorni di inviare a Roma il bollettino quotidiano.

Il caso Sicilia ha mandato in tilt la macchina dell’emergenza. Ma ieri dopo il black out del 30 marzo e il bollettino sbagliato e poi corretto di mercoledì, sono arrivati i dati giusti. Che però sono poco rassicuranti visto l’incremento: sono 1282 i nuovi positivi nell’Isola, di cui 511 accertati nell’area metropolitana di Palermo (1203 casi in 3 giorni). Su base settimanale nella provincia di Palermo, l’incidenza è di 214 casi ogni 100mila abitanti, molto a rischio e a un passo dalla zona rossa che scatta automaticamente con 250 casi ogni 100mila abitanti. Non a caso ieri il sindaco Leoluca Orlando ha definito il quadro generale “estremamente preoccupante”.

Ma ad allarmare è tutta l’Isola, che nelle ultime 24 ore ha registrato un incremento del 53% di contagi rispetto al bollettino del 31 marzo, con il tasso di positività che è passato dal 9 al 12,4%.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com