Concessioni balneari, Consiglio di Stato: sì alla proroga ma fino al 31 dicembre 2023

La disciplina nazionale che prevede la proroga automatica delle concessioni demaniali marittime per finalità turistico-ricreative (inclusa la moratoria pandemica ex art. 182, c. 2, d.l. n. 34/2020, convertito in legge n. 77/2020) collide con l’art. 49 TFUE e con l’art. 12 della direttiva 2006/123/CE.

Per l’effetto, tali norme non devono essere applicate né dai giudici né dalla pubblica amministrazione. Lo ha stabilito l’Adunanza Plenaria del Consiglio di Stato, n. 17 e 18 depositate il 9 novembre 2021

Secondo il Consiglio di Stato – si legge in un comunicato – il confronto concorrenziale, oltre a essere imposto dal diritto Ue, «è estremamente prezioso per garantire ai cittadini una gestione del patrimonio nazionale costiero e una correlata offerta di servizi pubblici più efficiente e di migliore qualità e sicurezza, potendo contribuire in misura significativa alla crescita economica e, soprattutto, alla ripresa degli investimenti di cui il Paese necessita».

Nessuna possibilità di proroga

I concessionari attuali potranno comunque partecipare alle gare che dovranno essere bandite. Per consentire alla Pa di «intraprendere sin d’ora le operazioni funzionali all’indizione di procedure di gara», per «consentire a Governo e Parlamento di approvare doverosamente una normativa che possa finalmente […] disciplinare in conformità con l’ordinamento comunitario il rilascio delle concessioni demaniali», nonché per evitare l’impatto sociale ed economico della decisione, le attuali concessioni potranno continuare fino al 31 dicembre 2023.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com