Annunci

PALERMO – “Il nostro paese sta vivendo una fase economica gravissima, con fasce di popolazione a rischio povertà, lavoro precario dilagante, attività economiche e commerciali in grande difficoltà, prezzo della benzina, costi delle bollette e beni di prima necessità alle stelle, tagli alla sanità e stipendi bloccati.

In queste condizioni, mi chiedo, perché dovremmo continuare ad inviare armi in Ucraina, alimentando così una guerra fondata su contrapposizioni ideologiche ed interessi di supremazia, dove a pagare sono soltanto vittime innocenti? Mi sembra che le recenti scelte di politica estera ci vogliano sempre meno neutrali in questo conflitto tra Usa e Russia. Voglio ricordare che in Sicilia insiste la più grande base militare della Nato che vede a Sigonella la presenza di più di 5 mila soldati, droni armati, aerei spia e da trasporto.

Chi difenderebbe la Sicilia da eventuali minacce belliche? Sarebbe opportuno che la comunità internazionale inviasse ambasciatori e uomini di pace disarmati, per garantire un referendum, con cui far scegliere alla popolazione se le aree contese debbano appartenere alla Russia o all’Ucraina. La comunita’ internazionale deve utilizzare le risorse economiche che ha con questo fine evitando di continuare a finanziare il conflitto. Noi diciamo basta armi e chiediamo di ristabilire la pace. Facciamo prevalere la volontà di un popolo ridotto allo stremo, contro ogni forma di guerra, egoismo e fanatismo”. Lo afferma Vincenzo Figuccia deputato regionale della Lega e questore all’Assemblea regionale siciliana.