Annunci

 

    

 

                      

Con un comunicato stampa i Consiglieri Comunali di minoranza del Comune di Capo d’Orlando, Mangano, Gazia, Liotta, Scafidi e Truglio, hanno posto al centro dell’attenzione, la nota dell’Agenzia del demanio che chiedeva chiarimenti sulla vendita dell’ex I.T.C.G. F.P. Merendino.

I Consiglieri Comunali di minoranza chiedono all’Amministrazione Comunale Orlandina che sia predisposta una proposta di revoca parziale della deliberazione del Consiglio Comunale n.38 dell’11/10/2022, per escludere la vendita dell’Ex Istituto Merendino, al fine di non inficiare la veridicità e la validità del Piano Triennale 2022/2024 delle Alienazioni e Valorizzazioni Immobiliari.

Il Gruppo consiliare CambiAmo Capo nello stigmatizzare gli ingiustificati e colpevoli ritardi degli Uffici di Ragioneria, Urbanistica e Lavori Pubblici del Comune Paladino per il mancato riscontro all’articolata richiesta di “documenti, chiarimenti e assistenza” formalizzata con varie note in merito anche al contenzioso tra il Comune di Capo d’Orlando e l’Agenzia del Demanio sulla proprietà degli immobili dell’Ex Istituto scolastico, hanno sollecitato in data 30 ottobre 2023, i dirigenti comunali ad adempiere alle precedenti richieste inevase, chiedendo chiarimenti e assistenza in merito all’intimazione dell’Agenzia del Demanio, che con nota del 07/08/2023, reclama la proprietà dell’immobile. comunicando che anche la Segretaria Generale del Comune dott.ssa Carmela Caliò ha richiesto un’apposita relazione da prodursi entro il 3 novembre 2023, circa le ragioni giustificative per il mancato riscontro di quanto richiesto dal gruppo di opposizione “stante l’intollerabile ritardo rilevato” sul modus operandi dei detti dirigenti comunali.

Il comunicato stampa nell’auspicare una tempestiva e positiva risoluzione dell’esposto vertenza con l’Agenzia del Demanio, si conclude preannuciando che saranno avviate le necessarie azioni di tutela, coinvolgendo gli organi giurisdizionali competenti, se dovesse persistere l’ingiustificata condotta omissiva da parte degli uffici comunali competenti.