Annunci

 

    

 

                      

Entra oggi in servizio il primo bus interpista elettrico acquistato da Gh (società di handling) per il trasporto dei passeggeri nel piazzale aeromobili dell’aeroporto internazionale “Falcone Borsellino” di Palermo. “Il programma degli investimenti per la crescita della flotta green – dicono Paolo Zincone, amministratore delegato di Gh Italia, e Fabio Giambrone, presidente di Gh Palermo – prevede, nei prossimi mesi, l’innesto di due pushback e quattro auto a trazione elettrica, con l’aggiunta di due gruppi elettrogeni e due scale elettriche, e la possibilità, in tempi brevi, di convertire un ulteriore bus in da diesel a elettrico. La flotta dei mezzi ecologici aumenterà di numero in funzione della crescita del traffico aereo e dell’infrastrutturale aeroportuale – dicono i due manager – Questa transizione verso la sostenibilità ha già toccato punte del 60% dei mezzi ecologici utilizzati negli aeroporti dove Gh è presente, come Napoli e Venezia, e crescerà anche a Bologna”.
“Si comincia a colmare un serio ritardo nella innovazione che purtroppo riguarda l’intero Paese e specialmente il Mezzogiorno. Diamo atto a Gh di uno sforzo non indifferente che dovrà continuare e coinvolgere anche gli altri handlers per dare servizi migliori ai passeggeri”, dice Vito Riggio, amministratore delegato di Gesap. “Il bus interpista elettrico è un primo segnale verso l’obiettivo della sostenibilità ambientale – dice Salvatore Burrafato, presidente di Gesap – E’ importante evidenziare che il mezzo elettrico è alimentato grazie all’energia pulita prodotta dai nostri impianti fotovoltaici. Un ciclo completamente sostenibile che sfrutta la potenza del sole.
Gesap, infatti, ha già previsto nel prossimo piano investimenti 2024/7 interventi per ben due milioni di euro destinati alla produzione di energia attraverso campi di pannelli fotovoltaici installati all’interno del sedime aeroportuale – conclude Burrafato – Ciò ci consentirà di accumulare energia su larga scala in modo da fare un passo concreto verso l’indipendenza energetica del nostro aeroporto”.