Palermo, vendeva oggetti su Internet, ma non arrivavano mai

L’uomo contattava le vittime sui portali di vendita sul web e proponeva prodotti anch di alcune presunte aste fallimentari.

La truffa era ben studiata, munito di fattura inviata pro forma su Whatsap, dove , mostrava una partita iva realmente esistente intestata ad un omonimo dell’uomo denunciato.

Si tratta di un palermitano C.C. di 59 anni che dovrà rispondere di truffa online e appropriazione indebita.

L’uomo contattava le vittime sui portali di vendita sul web e proponeva prodotti presenti anche su dei portali di aste online.

I prezzi bassi e la possibile occasione, attiravano i clienti nella trappola. L’uomo si faceva spedire in anticipo le somme su una carta prepagata una postepay evolution, ma degli oggetti nessuna traccia.

Sei i clienti raggirati e 10 mila euro i soldi finiti nelle tasche dell’indagato, secondola Guardia di Finanza. Numeri che potrebbero crescere visto che sono ancora in corso indagini da parte dei finanzieri di Termini Imerese.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com