Gp della Toscana: Lewis Hamilton! la paura fa 90 vittorie in carriera.

Il pilota britannico insieme al suo compagno di squadra Bottas completano l’ennesima doppietta Mercedes di questa stagione, sul podio per la prima volta in carriera c’è Albon su Red Bull. Gran premio con tre partenze e due bandiere rosse! Ferrari, al GP numero 1000, chiude con i suoi piloti all’ottavo e al decimo posto.

Se il Gran premio d’Italia a Monza ci ha regalato emozioni e colpi di scena, non è da meno il Gran premio della Toscana sul circuito del Mugello (sede dei test della Scuderia di Maranello). La vittoria va a Lewis Hamilton sempre più leader del Mondiale di Formula 1, il quale si riscatta dopo la penalità subìta in Brianza ottenendo la sua novantesima vittoria in carriera (ad un solo successo dal record di Michael Schumacher). Il pilota britannico, scattato dalla pole, parte poco bene e ne approfitta il compagno in Mercedes Valtteri Bottas, sbaglia la partenza Max Verstappen permettendo a Charles Leclerc di balzare al terzo posto. Nelle retrovie, collisione che coinvolge Lando Norris (in testacoda) e Sebastian Vettel che danneggia il musetto, più altre monoposto; nel frattempo il pilota olandese della Red Bull clamorosamente si va ad insabbiare ed è costretto al ritiro. Subentra la Safety car che mette in fila tutte le vetture: alla ripartenza lanciata altro incidente causato da Antonio Giovinazzi su Alfa Romeo che tampona Nicholas Latifi (Williams), coinvolgendo Kevin Magnussen (Hass) e Carlos Sainz jr (Mclaren): per rimuovere i detriti viene sospesa la gara e quindi bandiera rossa con nuova partenza dalla griglia. Bottas alla ripartenza non tiene la posizione ed Hamilton si riprende la testa della gara; mentre Leclerc mantiene la terza piazza, che però dura pochi giri: prima Stroll (Racing point), poi Ricciardo (Renault) umiliano una Ferrari che continua a non avere nessun tipo di miglioramento di prestazioni motoristiche. il pilota canadese con la sua livrea rosa e bianca, dopo qualche giro, sbaglia l’inserimento in curva e finisce lungo le barriere di protezione: addetti al circuito che fanno fatica a rimuovere la monoposto e dopo pochi giri di Safety car, viene sospesa di nuovo la gara ed è ancora ripartenza con solo 12 vetture rimaste. Hamilton al terzo start tiene la posizione, ma no Bottas che viene superato prima della curva San Donato da Ricciardo; mentre nella pancia del gruppo Albon comincia a farsi strada risalendo verso le posizioni di vertice. il pilota finlandese, si riprende la posizione sull’australiano che in seguito subìsce anche l’attacco del thailandese su Red Bull completando ufficialmente il podio di questo “folle” Gran premio del Mugello. Ordine d’arrivo per la zona punti completato dal 5° posto di Perez (Racing point), 6° Norris (Mclaren), 7° Kvyat (Alpha Tauri), 8° Leclerc (Ferrari), 9° Raikkonen (Alfa Romeo) e 10° Vettel (Ferrari). Prossimo Gran premio nel parco olimpico di Sochi (27 settembre) per il Gp di Russia.

ripartenza lanciata e collisione nelle retrovie che causa la prima sospensione della gara con bandiera rossa

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com