Nota dei 4 consiglieri d’opposizione: “Arrivano le trimestralità regionali, ma le OO.SS. scrivono alla Procura della Repubblica di Patti”.

Capo d’Orlando – Giornata intensa ieri per il comune di Capo d’Orlando: visita istituzionale del questore Gennaro Capoluongo; ennesima assemblea di protesta dei dipendenti comunali (riceveranno a breve le mensilità arretrate ma vorrebbero la garanzia del pagamento puntuale ogni mese dello stipendio); dichiarazione del sindaco Ingrillì della sua volontà a proseguire in politica nei prossimi 5 anni. A onor di ricordo, 5 anni fa disse che avrebbe svolto un solo mandato da sindaco, ne consegue che forse il suo “io ci sarò” non implica che ci sarà da sindaco, ma in altro ruolo. Da cronisti e cittadini orlandini, però, non immaginiamo la circostanza di un sindaco uscente che si limiterà ad “ESSERCI” per ricoprire potenzialmente un ruolo diverso da quello assunto finora avendo l’opportunità per legge di ricandidarsi a Primo cittadino.

Intanto i 4 consiglieri comunali di opposizione, loro sì ci sono da tempo sulle barricate. Mangano, Gazia, Liotta e Scafidi hanno diramato una nota al termine dell’assemblea dei dipendenti comunali. Non lo hanno ancora manifestato ufficialmente, ma dall’attività politica che stanno portando avanti, il loro coinvolgimento nelle Amministrative di ottobre, con una lista propria in contrapposizione all’amministrazione uscente, è più che scontato. Da mesi, ormai, lavorano alla squadra, e il nome del candidato a sindaco sarà il risultato di un’effettiva condivisione dei singoli componenti del gruppo.

Di seguito la nota dei 4 consiglieri: “Nelle prossime settimane tutti i Comuni siciliani riceveranno la prima e seconda trimestralità 2021 relativamente al Fondo Straordinario Regionale per sostenere le spese del personale delle autonomie locali. Il Comune di Capo d’Orlando con i mandati nn° 408 e 704 rispettivamente del 02/07/2021 e 06/07/2021 riceverà circa € 1.035.000,00. Quindi, bella boccata di ossigeno per le asfittiche casse comunali dell’ ente paladino grazie ai preventivati finanziamenti regionali. Nel corso dell’assemblea dei dipendenti comunali si è appreso che le Organizzazioni sindacali Fp CGIL Messina, CSA, M. G. L. e DICCP, si sono rivolte, tra l’ altro, alla Procura della Repubblica di Patti, alla Procura Generale Corte dei Conti Sicilia, all’Assessorato Regionale Autonomie Locali e della Funzione Pubblica di Palermo
assessorato autonomie locali, al Segretario Generale, quale Responsabile Anticorruzione e Trasparenza Comune di Capo d’Orlando, al fine di accertare “Eventuale utilizzo somme anticipazione di cassa ed eventuali condotta abusiva e distrattiva delle stesse rispetto ai vincoli deliberati dal Comune di Capo d’Orlando”.
Tutto ciò a conferma che sia l’Assemblea dei lavoratori di giovedì mattina sia le OO.SS. che li rappresentano hanno perso fiducia nell’ Amministrazione Ingrilli e la notizia dei trasferimenti regionali relativi alla prima e seconda semestralità , cioè di due mandati per un importo di euro 517,248,13 ciascuno non li tranquillizza in considerazione del pregresso modus operandi dell’amministrazione attiva e dell’ufficio ragioneria.
Pertanto il consiglio comunale del 13 luglio prossimo e il preannunciato sciopero generale del 20 luglio rappresenteranno delle occasioni per monitorare i flussi finanziari e per un bilancio consuntivo delle maturate mensilità di marzo, aprile e maggio, nonché per sollecitare le necessarie procedure al fine di saldare entro fine mese lo stipendio di luglio 2021.
L’ Amministrazione Ingrilli deve, senza ulteriore indugio, programmare il saldo del mese di luglio 2021 come preannunciato dalla dirigente generale dott.ssa Margherita Rizza, e nelle more per agevolare il perseguimento delle richiamate finalità interesseremo , anche , il Collegio dei Revisori dei Conti per le dovute verifiche di cassa al 30/06/2021.
Capo d’Orlando, 8.7.2021
I consiglieri comunali
Renato Mangano, Sandro Gazia, Linda Liotta, Felice Scafidi

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com