Annunci

 

 

  

Convocato alle ore 17 dal Presidente del Consiglio, Cristian Gierotto si è tenuto giorno 14/04/2023. il Consiglio Comunale di Capo d’Orlando. Dei sei punti posti all’ordine del giorno, il più interessante è stato sicuramente il punto 5 nel quale i Consiglieri Comunali hanno discusso la mozione – atto d’indirizzo per reintegrare in servizio presso il Comune di Capo d’Orlando il dipendente dott. Matteo Olivo, attualmente impegnato presso il Comune di Torrenova con l’incarico di Responsabile dell’Area Economico Finanziaria.
Il dott. Olivo è ormai da molti anni in comando presso il Comune di Torrenova e il comando al dipendente è stato ancora prorogato con deliberazione di Giunta Municipale n. 98 del 05/07/2022 fino al 30/06/2023, firmando la relativa convenzione stipulata ai sensi dell’art.14 del CCNL del 22.01.2004.
Il Consigliere Comunale primo firmatario della mozione Mangano, dopo aver esposto le ragioni della revoca del comando, ha chiesto di mettere in votazione la deliberazione.
Il Sindaco Ingrillì nella sua replica pur affermando che l’ufficio ragioneria necessita di un supporto, ha chiesto di ritirare il punto in quanto Matteo Olivo è funzionario amministrativo e nel Comune di Torrenova è supportato da un esperto e quindi a detta di Ingrillì non si risolveranno i problemi di natura contabile con il rientro di Olivo, ma con l’innesto di un esperto che collabori con l’ufficio ragioneria del Comune Orlandino o con un incarico a tempo determinato, dopo l’approvazione della delibera da parte della Commissione Ministeriale, con sede in Roma, disposto ai sensi dell’art.110 del TUEL . Ingrillì ha rassicurato comunque i Consiglieri Comunali che il comando di Olivo alla scadenza non sarà rinnovato e quindi il dipendente rientrerà nel Comune di Capo d’Orlando anche se non con orario completo, in quanto il Sindaco di Torrenova ha chiesto al Sindaco Ingrillì che Olivo resti almeno qualche giorno a settimana anche li.
Dopo alcuni interventi di altri Consiglieri Comunali che hanno chiesto alla Segretaria se era necessario mettere in votazione la deliberazione e i chiarimenti della Segretaria Comunale Caliò che ha affermato che non era obbligatorio farlo, ma che essendo il Consiglio Comunale un organo sovrano, si poteva procedere a votarla, la mozione dopo l’uscita dall’aula della Consigliera Li Puma e Merendino, con appello nominale a scrutinio palese dei Consiglieri Comunali presenti in aula ha ottenuto 5 voti favorevoli del gruppo consiliare di opposizione “Cambiano Capo” tre astenuti, i Consiglieri Gierotto, Bontempo Angela e Bontempo Valentina e cinque voti contrari dei Consiglieri Comunali Colombo, Reale, Amatore, Buzzanca e Fardella.