Annunci

 

    

 

                      

Oltre ad essere location del prossimo film di Alessandro Siani, Milazzo sta ospitando
da alcuni giorni la troupe impegnata nelle riprese del film “Il ladro di stelle cadenti”,
diretto da Francisco Saia.
Sceneggiato da Paolo Picciolo, che ne è anche produttore con Horcynus Productions
srl, il film ha ricevuto il contributo del Ministero dei beni culturali e vede nel cast
Daniel McVicar, star della popolare soap opera Beautiful, Denise Mcnee, il cui ricco
curriculum include le serie televisive “I Medici e Diavoli”, l’attrice Martina Palladini,
l’attore Leandro Baroncini, e il piccolo esordiente Francesco Bucca.
Ieri pomeriggio regista e attori sono stati ricevuti a palazzo dell’Aquila dal sindaco
Pippo Midili il quale ha espresso il plauso per la scelta di Milazzo quale location del
film, La produzione – che proseguirà a settembre le riprese – ha sottolineato la
bellezza dei luoghi scelti per le riprese di questo “fantasy”.
Il film narra di Camillo Favara detto Milo che chiede a una stella cadente una grossa
torta al cioccolato. Il desiderio si realizza e fa indigestione. A diciotto anni chiede alla
sua stella di potersi legare a Betty, un’affascinante turista italo-americana, e i due
intraprendono una relazione sessuale estiva e furtiva; ma, alla fine delle vacanze, lei
gli spezza il cuore, dicendo di aver fatto l’amore con lui solo per trascorrere
un’avventurina. Impara così che, quando vogliono punirci, gli Dei esaudiscono i
nostri desideri, e, per una strana coincidenza del destino, diventa un ladro di stelle
cadenti. Ma cosa è un ladro di stelle cadenti? Nient’altro che un correttore di quei
desideri che possono far male. Divenuto quarantenne, quindi, ruba la stella cadente
col desiderio di Betty di volere un figlio, ed è travolto da un turbine di emozioni.
“È un grande onore, per me, poter dirigere a soli ventiquattro anni un
lungometraggio con un grande cast di livello internazionale – ha detto il regista
Francisco Saia -. Darò tutto me stesso e sfrutterò tutta l’esperienza accumulata negli
anni di studio e di gavetta per poter realizzare un grande film che sarà distribuito in
tutto il mondo, esprimendo uno stile di regia molto anticonformista e surreale e
dando grande importanza alle colorimetria, ispirandomi a grandi artisti come Wes
Anderson, Tim Burton, Joann Sfar e Steven Spielberg”.

La fotografia de “Il ladro di stelle cadenti” è stata affidata a Gabriele e Andrea
Bizzoni, mentre le scenografie sono a cura di Tonino Di Giovanni e i costumi di Flavia
Pinello.
Molti professionisti della troupe sono di Milazzo, Catania e di Messina, tutto il
reparto regia e produttivo invece sono di Roma. Il produttore esecutivo del film è
Andreani per Horcynus productions.